La difesa dei due cavalli

Apertura nota fin dal XVI secolo, è a tutt'oggi molto giocata per la ricchezza di varianti e tatticismi.

Andrea Pastore 28/09/2015 0

La difesa dei due cavalli è un'apertura molto antica e a tutt'oggi molto giocata grazie alle numerose possibilità che lascia ad entrambi i giocatori. È determinata dalle dalle mosse:

  1. e4, e5;

  2. Cf3, Cc6;

  3. Ac4, Cf6;

il bianco alla quarta mossa ha due alternative principali:

4. d4
la variante più tranquilla: il nero ha la possibilità di catturare sia il pedone in e4 che quello in d4, che è da preferire in quanto il cavallo nero in e4 da solo non può creare problemi, e sarebbe costretto a ripiegare. Dopo 4. …, exd4; il bianco di solito effettua l'arrocco corto ed il nero può scegliere tra:

5. …, Cxe4 a cui il bianco può rispondere piazzando la torre in e1 e inchiodando il cavallo. Il nero reagisce con f5 o d5 (più usata) per difenderlo.
5. …, Ac5; chiamato attacco Max Lagrange.

4. Cg5 (attacco prussiano)
variante più aggressiva, con la quale il bianco aumenta la pressione sulla casa f7 che è minacciata sia dall'alfiere che dal cavallo. Il nero può rispondere in diversi modi:

  • 4. ..., d5; variante classica, con lo scopo di bloccare la diagonale all'alfiere. Il bianco risponde catturando il pedone ed il nero può replicare con 5. …, Cxd5 o Ca5. Quest'ultima è da preferire, perché in cambio di un pedone (l'alfiere bianco minacciato si sposta in b5 e da scacco, il nero muove il pedone in c6 per pararlo e il bianco lo cattura col suo pedone) avrà un miglior sviluppo dei pezzi, mentre il bianco deve cercare di far consolidare il suo vantaggio materiale.

  • 4. …, Ac5; in cui il nero cerca di capovolgere la situazione, facendo pressione sulla casa f2. Se il bianco cattura col cavallo sperando di catturare una torre, il nero può fare scacco con
    5. …, Axf2+; a cui segue un altro scacco dopo che il re bianco mangia l'alfiere, portando il cavallo in e4, a cui segue al turno successivo Dh4. Questa variante è ricca di controgioco, ma il nero deve essere disposto a sacrificare del materiale in cambio dell'iniziativa.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 28/09/2015

La partita dei quattro cavalli

La partita dei quattro cavalli è un'apertura molto utilizzata nei primi decenni del novecento, caratterizzata dalle mosse:

  1. e4 e5

  2. Cf3 Cc6

  3. Cc3 Cf6

Leggi tutto

Andrea Pastore 07/09/2015

La difesa russa

La difesa russa, chiamata così in onore del russo Petrov che la analizzò nell'Ottocento, è un'apertura caratterizzata dalle mosse:

  1. e4,e5;

  2. Cf3, Cf6;

Leggi tutto

Andrea Pastore 28/09/2015

Il gambetto di Budapest

Questo gambetto, così chiamato in onore di alcuni giocatori ungheresi che lo hanno introdotto nel 1918, è un'evoluzione della difesa indiana data dalle seguenti mosse:

  1. d4 Cf6
  2. c4 e5

è giocato molto raramente perché la spinta in e5 non porta grandi vantaggi al nero, se non l'effetto sorpresa. La mossa migliore per il bianco è 3. dxe5,

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...