La difesa dei due cavalli

Apertura nota fin dal XVI secolo, è a tutt'oggi molto giocata per la ricchezza di varianti e tatticismi.

Andrea Pastore 28/09/2015 0

La difesa dei due cavalli è un'apertura molto antica e a tutt'oggi molto giocata grazie alle numerose possibilità che lascia ad entrambi i giocatori. È determinata dalle dalle mosse:

  1. e4, e5;

  2. Cf3, Cc6;

  3. Ac4, Cf6;

il bianco alla quarta mossa ha due alternative principali:

4. d4
la variante più tranquilla: il nero ha la possibilità di catturare sia il pedone in e4 che quello in d4, che è da preferire in quanto il cavallo nero in e4 da solo non può creare problemi, e sarebbe costretto a ripiegare. Dopo 4. …, exd4; il bianco di solito effettua l'arrocco corto ed il nero può scegliere tra:

5. …, Cxe4 a cui il bianco può rispondere piazzando la torre in e1 e inchiodando il cavallo. Il nero reagisce con f5 o d5 (più usata) per difenderlo.
5. …, Ac5; chiamato attacco Max Lagrange.

4. Cg5 (attacco prussiano)
variante più aggressiva, con la quale il bianco aumenta la pressione sulla casa f7 che è minacciata sia dall'alfiere che dal cavallo. Il nero può rispondere in diversi modi:

  • 4. ..., d5; variante classica, con lo scopo di bloccare la diagonale all'alfiere. Il bianco risponde catturando il pedone ed il nero può replicare con 5. …, Cxd5 o Ca5. Quest'ultima è da preferire, perché in cambio di un pedone (l'alfiere bianco minacciato si sposta in b5 e da scacco, il nero muove il pedone in c6 per pararlo e il bianco lo cattura col suo pedone) avrà un miglior sviluppo dei pezzi, mentre il bianco deve cercare di far consolidare il suo vantaggio materiale.

  • 4. …, Ac5; in cui il nero cerca di capovolgere la situazione, facendo pressione sulla casa f2. Se il bianco cattura col cavallo sperando di catturare una torre, il nero può fare scacco con
    5. …, Axf2+; a cui segue un altro scacco dopo che il re bianco mangia l'alfiere, portando il cavallo in e4, a cui segue al turno successivo Dh4. Questa variante è ricca di controgioco, ma il nero deve essere disposto a sacrificare del materiale in cambio dell'iniziativa.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 29/08/2015

Il gambetto di donna

Il gambetto di donna è una delle più popolari aperture scacchistiche, caratterizzato dalle mosse:

1. d4 d5 

2. c4 

l'obiettivo del bianco è quello di controllare il centro occupandolo con più pezzi possibile, per poi scatenare un attacco al re nemico. Non si tratta di un vero e proprio gambetto perché il bianco potrà recuperare il pedone ceduto in fase di apertura con lo sviluppo dei pezzi. Se il nero accetta il gambetto mangiando il pedone bianco in c4 il bianco ha diverse alternative:

Leggi tutto

Andrea Pastore 28/09/2015

La difesa indiana

La difesa indiana è una delle aperture più giocate contro la partita di donna, caratterizzata dalle mosse:

1. d4, Cf6

Generalmente il bianco continua con 2. c4 come nel gambetto di donna, ed il nero può rispondere in diversi modi che portano a differenti varianti, che consistono nel far creare un forte centro di pedoni al nero per poi romperlo con spinte di rottura. Vediamo le varianti principali:

Leggi tutto

Andrea Pastore 30/08/2015

La difesa scandinava

Questa difesa ambiziosa ha origini antichissime, infatti era già conosciuta nel XV secolo. È caratterizzata dalle mosse
 
1. e4 d5

Nella variante classica il pedone bianco cattura in d5 e viene mangiato dalla regina nera, che entra subito in azione. Proprio questa immediata uscita della regina ha fatto si che per anni quest'apertura fosse considerata svantaggiosa per il nero. È stata rivalutata dalla moderna teoria

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...