Il sistema colle

Il sistema colle è un'apertura molto solida, ma poco giocata ad alti livelli non crea pressione sui pezzi neri nelle prime fasi di gioco

Andrea Pastore 28/09/2015 0

Il sistema colle è un'apertura definita universale, perché il nero non può impedirla in alcun modo. Infatti a prescindere dalle mosse del nero il bianco raggiungerà sempre la posizione mostrata in figura. Lo schema classico di questo impianto è dato dalle seguenti mosse, che non devono essere giocate necessariamente in quest'ordine:

1. d4 Cf6
2. Cf3 e6
3. c3 d5
4. Cd2
 un'apertura molto solida, che permette uno sviluppo dei pezzi senza punti deboli (è necessario adeguare la strategia a seconda delle tattiche che il nero utilizzerà, ma a gioco corretto non presenterà punti deboli). Nello schema classico il bianco continua con 5. e3 per giocare al turno successivo Ad3, poi gioca De2 ed infine la spinta liberatoria in e5.
Le alternative
Il nero non deve necessariamente stare al gioco del bianco: ha diverse valide alternative per contrastare questo sistema, ad esempio il doppio fianchetto. In questa variante il nero alla seconda mossa gioca 2. …, b6 e la partita continua con 3. c3, c5; 4. Cd2, c5; 5. Ad3, Ag7. In questa condizione il bianco non guadagnerebbe nulla dalla spinta in e4, è più utile un attacco laterale con 5. b4

 

Un'altra alternativa è quella di impedire all'alfiere campochiaro di entrare in d3, ad esempio giocando c5. Se il bianco giocherà alla mossa successiva Ad3 con la spinta in c6 il suo alfiere andrà in una posizione passiva e pone le basi per una partita posizionale o di profilassi (un tipo di gioco in cui il nero gioca per prevenire le mosse del bianco). Se il bianco vuole evitare questo tipo di partita deve catturare il pedone, rompendo lo schema ma ottenendo in cambio un piccolo vantaggio materiale. Il nero può giocare prima b6 e poi c5 in modo che in caso di cattura potrà comunque attuare il suo piano.

Molto interessante anche il contrattacco immediato, che consiste nello scardinare lo schieramento del bianco con la spinta di rottura e5. Per essere messa in pratica, però, il nero non deve aver giocato Cf6 nelle mosse precedenti, altrimenti diventa controproducente. Ecco un esempio di come potrebbe essere giocata:
         1. d4 d5 2. Cf3 c5 3. e3 Cc6 4. c3 Dc7 5. Ad3 e5 6. dxe5 Ag4
si arriverebbe alla posizione mostrata in figura in cui la posizione del bianco non è invidiabile.

 

Il problema di questo sistema è che è poco incisivo nei confronti dell'avversario, permettendogli di svilupparsi come preferisce. Per questo motivo il sistema colle non viene mai utilizzato in partite di alto livello: se entrambi i giocatori conoscono molto bene il sistema, ci sono elevate possibilità che la partita possa concludersi con una patta.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 28/09/2015

La difesa dei due cavalli

La difesa dei due cavalli è un'apertura molto antica e a tutt'oggi molto giocata grazie alle numerose possibilità che lascia ad entrambi i giocatori. È determinata dalle dalle mosse:

  1. e4, e5;

  2. Cf3, Cc6;

  3. Ac4, Cf6;

il bianco alla quarta mossa ha due alternative principali:

Leggi tutto

Andrea Pastore 28/09/2015

Il gambetto di Budapest

Questo gambetto, così chiamato in onore di alcuni giocatori ungheresi che lo hanno introdotto nel 1918, è un'evoluzione della difesa indiana data dalle seguenti mosse:

  1. d4 Cf6
  2. c4 e5

è giocato molto raramente perché la spinta in e5 non porta grandi vantaggi al nero, se non l'effetto sorpresa. La mossa migliore per il bianco è 3. dxe5,

Leggi tutto

Andrea Pastore 28/09/2015

La partita dei quattro cavalli

La partita dei quattro cavalli è un'apertura molto utilizzata nei primi decenni del novecento, caratterizzata dalle mosse:

  1. e4 e5

  2. Cf3 Cc6

  3. Cc3 Cf6

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...